lunedì 21 luglio 2008

ANIMAL FEROX

Non ridete con me, ridete di me.
Però, prima del fatto, la premessa. Il mio affetto per gli animali ha qualcosa di patologico. Io salvo gli scarafaggi dalle grinfie delle colleghe, e vado in brodo di giuggiole davanti a cani, gatti, coniglietti, criceti, delfini, orsi... (di questi ultimi non è che mi capiti di vederne spesso, ma considerate che ci sono anche i documentari... il che rende il fatto ancora più grave). Con gli animali faccio le vocine, come fanno le nonne coi nipotini. Il mio Amato è solito dire che se un giorno avrà modo di essere geloso di me non sarà per un altro uomo, ma per via di una qualche creatura a 4 zampe. Probabilmente mi manca solo di fare festa alle mosche, e mi eleggono Miss WWF.

Una volta nota la mia psicopatia, scatti in voi un minimo di comprensione se mi agito di fronte a qualsiasi cosa che si muova con parvenze "bestiali".
Ordunque, giusto con l'Amato sabato notte attraversiamo un quartiere in macchina e ci approssimiamo ad un bancomat, presi in qualche nostro discorso, quando io tronco la frase a mezzo per urlare "un gatto, amore, un gattino!!!". E dico urlare. E dico che sabato era caldo, e avevamo i finestrini spalancati. E dico che nonostante la città semi-deserta, per l'appunto proprio in quel momento non eravamo i soli ad aver bisogno di soldi.

E c'è indubbiamente anche una creatura zampettante che passa su e giù davanti alla nostra macchina. "Un gatto?" s'interroga l'Amato. "Un gatto?" s'interroga evidentemente dentro di sè l'ometto al bancomat, che giusto in quel momento ha perso di vista il suo Chiwawa nano. Sì, perchè o quello era una versione mignon tascabile di Chiwawa oppure un bizzarro esperimento genetico tra un topo e una piattola. Sicuramente non era un gatto, anzi, un gatto se lo sarebbe pappato in un boccone. Mi accorgo subito dell'errore, e cerco di porre rimedio, e sempre urlando, da brava gallina, rassicuro gli animi: "Beh, veramente non è un proprio gatto...". L'omino al bancomat mi fissa. L'Amato sghignazza.
Io gracchio. "Però, dai, è carino lo stesso!"



(... e, sì, probabilmente avevo questa espressione...)

4 commenti:

Pao ha detto...

Il Serino ti batte. Il Serino se ha una zanzara in casa non la schiaccia, l'adotta.

La Nera Signora ha detto...

Ma come hai potuto scambiare l'elegante incedere felino con i tremolanti passettini nervosi/parkinsoniani dei chiwawa?
Tesoro, ti è calata ancora la vista? ;P

haroldandmaude ha detto...

E lo ben so, come ti riduci davanti alle bestiole. E come riduci loro... Qui c'è ancora un canopolo in attesa delle tue festose coccole :)

Elisaday ha detto...

sei sempre di più bionda dentro